+39 0437 788507

   

Prenota qui la tua vacanza in Val di Zoldo

Accedi al nostro Booking On Line e trova la soluzione ideale per il tuo soggiorno nella splendida Val di Zoldo, un angolo incontaminato nel cuore delle Dolomiti.

Attività ed eventi

Settimana verde del bambino 2018

Settimana verde del bambino 2018

Scopri tutte le attività che verranno organizzate giornalmente in Valle nei mesi di luglio ed ago..

Leggi tutto

Attività outdoor estate 2018

Attività outdoor estate 2018

Scopri le attività outdoor che verranno organizzate in Val Zoldo durante la prossima stagione estiv..

Leggi tutto

Guarda il video emozionale della Val di Zoldo  - il respiro delle Dolomiti UNESCO

Guarda il video emozionale della Val di Zoldo - il respiro delle Dolomiti UNESCO

EmozionaTi guardando il  video della Val di Zoldo ! Immagini e panorami estivi ed invernali i..

Leggi tutto

Cartina dei sentieri della Val di Zoldo

Cartina dei sentieri della Val di Zoldo

  Scarica la cartina dei sentieri estiva ed invernale con proposte di intinerari (prima part..

Leggi tutto

Dolomiti patrimonio mondiale UNESCO

dolomiti

 

“Poco oltre, dallo stesso lato del Pelmo, ecco la Rocchetta, una cresta di rocce frantumate, simile a spalti merlati in rovina che si affacciano dall’alto di paurosi precipizi su praterie e foreste”

(Amelia B. Edwards; Untrodden Peaks and Unfrequented Valleys, 1872)

 

Il 26 giugno 2009 le Dolomiti sono state iscritte nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità grazie alla loro bellezza e unicità paesaggistica e all’importanza scientifica a livello geologico e geomorfologico.

 

"Le Dolomiti sono considerate tra i più bei paesaggi montani del mondo. La loro intrinseca bellezza deriva da una varietà di spettacolari conformazioni verticali - come pinnacoli, guglie e torri – che contrastano con le superfici orizzontali – come cenge, balze e altipiani – e che innalzano bruscamente da estesi depositi di falda detritica e rilievi dolci ed ondulati. La grande diversità di colorazioni è provocata dai contrasti di roccia nuda con i pascoli e le foreste.

Queste montagne s’innalzano in picchi interposti a gole, rimanendo isolati in alcuni luoghi o formando sconfinati panorami in altri. Alcune scogliere rocciose si ergono fino a 1.500 metri e sono fra le più alte pareti calcaree al mondo.

Lo scenario caratteristico delle Dolomiti è divenuto l’archetipo del “paesaggio dolomitico”.

I pionieri della geologia sono stati i primi ad essere catturati dalla bellezza di queste montagne: i loro scritti e le successive opere pittoriche e fotografiche, evidenziano ulteriormente lo straordinario fascino estetico di tutto il bene”

Tratto da : Unesco, Dichiarazione di eccezionale valore universale”

 

L’emozione visiva è amplificata da un fenomeno natura peculiare di queste montagne, la cosidetta “Enrosadira”.

Durante l’arco della giornata le pareti rocciose, per la specifica struttura e composizione della dolomite, reagiscono in modo spettacolare ed unico ai cambiamenti della luce : cariche di colori caldi (arancio – rosso – viola) all’alba ed al tramonto, mentre il crepuscolo ed il chiaro di luna conferiscono a queste montagne un aspetto freddo ed ultraterreno. Da qui l’appellativo di “Monti Pallidi”.
Inoltre si deve notare che pur non presentando le cime più alte, i ghiacciai più vasti o le aree di wildness più ampie, questa è l’unica regione al mondo in cui le pallide rocce dolomitiche sono associate alle scure rocce vulcanoclastiche.

I nove gruppi dolomitici (sistemi) che compongono questo straordinario “arcipelago fossile” interessano i territori di cinque province (Belluno, Bolzano, Trento, Pordenone, Udine). Un’area di circa 142.000 ettari nella quale si parlano quattro lingue differenti ed ufficialmente riconosciute (italiano, tedesco, ladino e friulano).

I nove gruppi dolomitici sono :

1) Pelmo – Croda da Lago
2) Marmolada
3) Pale di San Martino – San Lucano – Dolomiti Bellunesi
4) Dolomiti Friulane e d’Oltre Piave
5) Dolomiti Settentrionali
6) Puez Odle
7) Sciliar, Catinaccio, Latemar
8) Rio delle Foglie/Bletterbach
9) Dolomiti di Brenta.

I primi cinque sistemi, o parte di essi, ricadono nella provincia di Belluno.